2-Cosa succede nel paziente con dermatite atopica:

Per comprendere come trattare in modo ottimale la cute secca, infiammata e a tendenza atopica è importante conoscere la struttura della pelle sana.

La pelle sana:

Come un vero e proprio muro che separa il nostro organismo dall’ambiente esterno, la pelle sana è formata da mattoni (le cellule della pelle) e malta (grassi ceramidi e proteine) che li tiene insieme. Questa struttura consente alla pelle di funzionare come una vera e propria barriera che evita all’acqua di uscire e che impedisce a abatteri, funghi e ad allergeni di penetrare nel nostro organismo.

La pelle secca, delicata e a tendenza atopica:

La pelle del soggetto con cute secca, delicata e a tendenza atopica, invece, ha poca “malta” e pertanto esercita un effetto barriera ridotto. Tende quindi a seccarsi perchè trattiene meno acqua e ad infettarsi perchè batteri e funghi penetrano più facilmente.

L’effetto aggravante del contatto con acari e detregenti neutri (pH 7,0):

Indipendentemente dall’allergia il contatto con gli acari, normalmente presenti nei nostri letti e l’utilizzo di saponi neutri per l’igiene quotidiana, riducono ulteriormente l’effetto barriera della cute (facilita lo sgretolamente della “malta”) ed amplifica il problema.